Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Gettasti i lenzuoli, apristi le finestre, ci riempimmo di stelle. Estate.

Giovedì, 30 luglio 2015 @08:27

"Gettasti i lenzuoli
apristi le finestre
ci riempimmo di stelle.
Una farfalla d’oro
sui tuoi capelli."
(Ghiannis Ritsos)
Voglia d’estate. Voglia di un’altra estate insieme a te.

Estate per me è anche il Mediterraneo e la Grecia dei versi di Ritsos. Estate è dormire tra lenzuola di lino. Estate è scegliere per lo #spillo di Gioia questa poesia tratta da "Erotica", Crocetti editore, negli occhi finestre aperte sul mare e la luce d'oro.

Notti d’estate, insonni di gelsomini.

Giovedì, 23 luglio 2015 @09:39

"Palermo sull’isola assediata due volte, dai monti e al di là dei monti dal mare. Catania insonne di gelsomini, di stelle e occhi di bambini".
(Goliarda Sapienza)
Notti d’estate, insonni di gelsomini.


Questa frase di Goliarda Sapienza, tratta da "Il vizio di parlare a me stessa", Einaudi, una specie di taccuino/notes di pensieri della scrittrice siciliana, è anche il mio #spillo su Gioia di questa settimana. Notti d'estate insonni di caldo e non solo di gelsomini, purtroppo. Ma sulla mia terrazza ci sono ancora gli ultimi fiori bianchi e profumati, i petali dell'estate.

Il mare è piatto e brilla come se tutte le stelle della notte precedente ci fossero cadute dentro.

Giovedì, 16 luglio 2015 @08:58

"Il mare è piatto e brilla come se tutte le stelle della notte precedente ci fossero cadute dentro."
(Milena Busquets)
Come luccica, come ci fa luccicare, il mare.

Lo #spillo di questa settimana su Gioia è tratto da un romanzo che ha dentro, ovviamente, il mare, quello di Cadaqués. "Passerà anche questa" (Rizzoli, traduzione Roberta Bovaia).

Davvero sappiamo vivere solo dopo la sconfitta.

Giovedì, 9 luglio 2015 @08:46

"Davvero sappiamo vivere solo dopo la sconfitta,
le amicizie si fanno più profonde,
l’amore solleva attento il capo.
Perfino le cose diventano pure.
I rondoni danzano nell’aria,
a loro agio nell’abisso.
Tremano le foglie dei pioppi,
solo il vento è immoto.
Le sagome cupe dei nemici si stagliano
sul fondo chiaro della speranza. Cresce il coraggio."
(Adam Zagajewski)
Non perdi, se trovi te stesso.

Il Buongiorno di oggi è anche il mio #spillo su Gioia, ed è tratto dall'antologia di un poeta polacco che mi piace molto: "Dalla vita degli oggetti" (Adelphi, a cura di Krystyna Jaworska).
Su Gioia in edicola trovate anche una delle storie che raccolgo e racconto, la storia di un uomo gay che ha sposato la sua migliore amica. Perché? Leggete, scrivetemi…

Click. Dentro la testa di un uomo.

Mercoledì, 8 luglio 2015 @08:24

"Per un istante Nate la vide in una luce nuova – vulnerabile, bisognosa. Come allo scatto di un interruttore, il suo senso di colpa si convertì in fastidio. Perché quella cena era importante? Chi lo aveva deciso? Doveva sentirsi in colpa solo perché non era dell’umore di trasformare un martedì sera in una sceneggiata romantica? Aveva voglia di leggere. E di perdere tempo su Internet. E allora?"
(Adelle Waldman)
Click. Dentro la testa di un uomo.

Ma come ha fatto, Adelle Waldman, a entrare nella mente e nella vita di un ragazzo di trent’anni a New York, anzi a Brooklyn, aspirante intellettuale e scrittore, l’appartamento caotico, le birre, le lenzuola che hanno bisogno di essere lavate; un giovane uomo che si innamora e poi disamora e spezza il cuore. C’è chi ha detto, di questo libro: vi verrà da urlare rendendovi conto di quanto spesso siete uscite con quel tipo d’uomo. Sarebbe meglio incontrarlo solo qui, su queste pagine, e sorridere per come è vero, reale, abbacinante; sorridere delle sue scuse, delle sue bugie, e capire che quando un uomo non ti richiama, bè, è semplicemente che proprio non vuole chiamarti. Adelle lo spiega e racconta, con disarmante sincerità: anche il bizzarro meccanismo per cui i sensi di colpa maschili svaniscono istantaneamente (nella testa dei maschi), o il terrore con cui anche da cuccioli rifuggono da ogni discorso d’amore. Tutto vero. Il problema poi è che, quando succede a noi, quando il maschio in questione svanisce o non risponde alle mail, proprio non ci capacitiamo… Magari un libro aiuta? Per questo il mio Buongiorno di oggi viene da "Amori e disamori di Nathaniel P.", di Adelle Waldman, Einaudi, che ho recensito su Gioia di questa settimana.

Le parole del nostro amore, stelle e mare.

Venerdì, 3 luglio 2015 @16:49

"Il letto in cui ci amavamo era un mondo vorticoso
di foreste, castelli, fiaccole, scogliere, mari
in cui lui si tuffava in cerca di perle. Le parole del mio amore
erano una pioggia di stelle cadenti come baci."
(Carol Ann Duffy)
Le parole del nostro amore, stelle e mare.



Il Buongiorno di oggi è anche il mio #spillo su Gioia ed è tratto da "La moglie del mondo", Le Lettere.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.