Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La mappa del cuore.

Lunedì, 25 marzo 2013 @07:31

"Forse amiamo il posto in cui viviamo perché non abbiamo altra soluzione, come in famiglia. Ma dobbiamo scoprire dove e perché amarlo."
(Orhan Pamuk)
La mappa del cuore.

Sto leggendo un libro che è una dichiarazione d’amore a una città: "Istanbul", del premio Nobel Orhan Pamuk, Einaudi.

4 commenti

Daniela Siri | Venerdì, 19 aprile 2013 @22:50

Chiedo scusa, e' la prima volta che lascio un messaggio, sono "nuova" di questi blog, e non volevo che fosse anonimo (non mi pare corretto!) Mi scuso e La saluto cordialmente

Anonimo | Venerdì, 19 aprile 2013 @22:45

Genitle Lisa, se Le piace la dichiarazione a Istanbul, allora potrebbe piacerle "La cotogna d'Istanbul" di Paolo Rumiz, giornalista e scrittore triestino come Lei, che, immagino, conoscera'. Io ne sono rimasta affascinata e mi ha rappacificata con la mia citta' d'origine (sono nata a Trieste anch'io). E grazie per i Suoi "Buongiorno", sono splendidi e rasserenano le mie giornate!

? | Lunedì, 25 marzo 2013 @14:05

lo amiamo perchè gli apparteniamo , perchè è il luogo della nostra infanzia ,perchè tutto ci è familiare ,case, vie, piazze persone , amici e quando ci allontaniamo lo ricordiamo sempre con malinconica tenerezza .

? | Lunedì, 25 marzo 2013 @07:55

sai che non sono riuscita a finirlo questo libro ? ora incoraggiata dal tuo suggerimento - la mappa del cuore - lo riprenderò in mano . buona giornata

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.