Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Troppo presto, troppo tardi, troppo di te. Ma innamorarsi è esagerare.

Giovedì, 28 marzo 2013 @07:41

"Dodici ore prima, nel suo letto, lo aveva dentro di sé, con la sensazione che fosse tutto troppo presto oppure ormai troppo tardi. Non sapeva ancora se l’uno o l’altro".
(Liza Marklund)
Troppo presto, troppo tardi, troppo di te. Ma innamorarsi è esagerare.

Non vi è mai successo? Una frase, una parola, una notte, e poi ci si ritrova a pensare se è successo troppo presto. O troppo tardi. Ma l'amore è magnete, attrazione, precipitazione, formula chimica dal risultato non prevedibile. Mi piace come l'ha raccontato Liza Marklund nel suo ultimo giallo, "Linea di confine" (Marsilio).

5 commenti

annetta | Giovedì, 28 marzo 2013 @23:40

Quando succede troppo presto, e' troppo tardi per pensarci sopra. Meglio godersela e poi ci penseremo..carpe diem! Buona Pasqua!

Lady Chatterley | Giovedì, 28 marzo 2013 @20:40

troppo presto troppo tardi, che smarrimento. Se attrazione c'è magari confusa con amore, quello mi è sembrato sempre il momento giusto

Lilabella | Giovedì, 28 marzo 2013 @19:36

Mi è successo eccome, e ci sono rimasta male ma l'Amore è davvero esagerare, senza calcolo per poi lasciarsi andare. Buona serata a te, Lisa, e al salotto verde!

Camilla | Giovedì, 28 marzo 2013 @09:40

Ultimamente va proprio così..

LUCY | Giovedì, 28 marzo 2013 @08:40

VERO........

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.