Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Profonda estate è quando la pigrizia diventa rispettabile.

Martedì, 3 settembre 2013 @08:56

"Profonda estate è quando la pigrizia diventa rispettabile".
(Sam Keen)
Il piacere legalizzato dell’estate: hai il permesso di oziare!

Questo era il mio ultimo #spillo su Gioia. (Giovedì in edicola, il prossimo). Lo so, lo so: sono i primi giorni di settembre, siamo già – quasi tutti – tornati al lavoro… Ma non possiamo concederci il permesso di oziare? Tutto sommato è ancora estate!

4 commenti

Lilabella | Martedì, 3 settembre 2013 @22:35

Dolce fare niente, dolce rimandare..così recita in una canzone il mitico Jovanotti (Lisa perdonami ma non ho resistito). La pigrizia a volte serve e poi hai ragione: è ancora estate!
Un sorriso serale al salotto verde.

Francescasièsposata | Martedì, 3 settembre 2013 @14:47

Bentornati a tutti! Ricordiamoci che possiamo oziare, anche solo un pochino, in qualunque stagione dell'anno! ;-)

carla | Martedì, 3 settembre 2013 @14:26

uno degli ultimi giorni mi sdraiavo sul sul letto dicendomi di assaporare il piacere di non avere niente da fare!

? | Martedì, 3 settembre 2013 @13:57

...che dire dei giorni di pigrizia in cui amo indulgere,quando la mia unica attività è sdraiarmi sull'erba a guardare le nuvole? da "una estate da sola " che sto appunto finendo di leggere ... niente male .

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.