Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Hai nello sguardo come un vento che trascina.

Mercoledì, 21 maggio 2014 @09:46

"Hai nello sguardo come un vento che trascina."
(Goliarda Sapienza)
Ma cosa c’è negli occhi delle persone che amiamo? Nei tuoi vedo il mare, le luci di notte, il mare quand’è calmo.

Anche il Buongiorno di oggi è tratto da "L’arte della gioia" (Einaudi). Ora smetto! E da lunedì un altro dei #librichemiaspettavano e da cui sono rimasta stregata.

18 commenti

Giusy | Giovedì, 22 maggio 2014 @16:43

Dimenticavo: il libro è di Gianluca Gemelli e mi è capitato tra le mani quasi per caso.

Giusy | Giovedì, 22 maggio 2014 @14:36

Sulla scia delle segnalazioni, segnalo anch'io un bel romanzo breve e poco conosciuto: Erba Alta. E' stata per me una piacevolissima lettura.

Monique | Giovedì, 22 maggio 2014 @12:05

Segnalo per le amiche libromani di Lisa!
IL MAGGIO DEI LIBRI: dal 22 al 26 sconto 20% su tutti i libri in tutte le librerie
Piatto ricco!

Monique | Mercoledì, 21 maggio 2014 @22:23

Letti tutti! E ritagliavo i Buongiorno di City per appenderli nella bacheca dell'ufficio :-)

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @21:35

Claudia mdg: le prime pagine de "L'arte della gioia" sono in effetti molto splatter e avevano respinto anche me. Quella capanna di fango, quella paura, quella violenza senza nome… Ma poi si esce dall'incubo e dai buio e comincia la vera, incredibile storia di Modesta. Ricomincia e poi fammi sapere! (Ma lunedì, con il Buongiorno, arriva un altro #librochemiaspettava e che ho fatto fatica a chiudere. Sorpresa!)

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @21:33

Carla: sai che Argia è un nome bellissimo? Non l'avevo mai sentito. Sono andata a cercare l'etimologia, ma ci sono molte Argie nella leggenda e nel mito. Una fu simbolo di amore coniugale, e fu trasformata dagli dei in fonte… Sai anche come mai fu scelto questo nome? Di solito c'è una bella storia dietro i nomi inusuali, soprattutto in passato. Argia che balla a piedi nudi. Mi piace!

claudia mdg | Mercoledì, 21 maggio 2014 @21:24

Lisa, il tuo entusiasmo mi ha convinta a dare un'altra possibilità a "L'arte della gioia", abbandonato qualche anno fa. E' stato uno dei libri scelti da Amarganta, il gruppo di lettura creato da Paola-che-ama-i-libri, tua lettrice e frequentatrice dell'antenato di questo blog. Il gruppo si è sciolto 2 anni fa, ho un po' di nostalgia.

Carla | Mercoledì, 21 maggio 2014 @20:49

La mia nonna si chiamava Argia e insieme al nonno erano così bravi a ballare che riuscivano sempre a non pagare, perché i proprietari delle sale facevano di tutto per averli... Anche se poi erano a piedi nudi perché erano poveri, l'importante era ballare.
naturalmente io sono un sacco di patate e ho un senso del ritmo pari a quello di una lumaca

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @19:45

Viola, un romanzo siciliano da leggere in Sicilia, e per di più su un'isola, mi sembra perfetto. Tra agavi, notti di luna e mare, come nel libro.

Viola | Mercoledì, 21 maggio 2014 @19:39

Grazie, è nella lista dei libri da portare al mare (Pantelleria).

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @18:02

Francescasièsposata, poi quando cominci a leggere torni qui con le tue impressioni? Mi piace tanto parlare di libri - insieme a chi li legge.

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @17:23

Monique. Che belli quei versi di Montejo. Li avevo trasformati in un Buongiorno, ancora quando c'erano i Buongiorno blu su City; e poi "Non raggiungo il tempo del tuo corpo" è diventato uno dei Buongiorno che legge la ragazza dalle unghie blu, le schegge di poesia oroscopo e talismano, nel mio ultimo romanzo, "Ultimamente mi sveglio felice". Ricordi? O non mi hai ancora letto? ...

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @17:20

E' vero, Carla, quando nel 1935 si chiedeva di "donare oro alla patria". Come si chiamava tua nonna? E cosa ballava? Me la immagino un tipo coraggioso e allegro.

Carla | Mercoledì, 21 maggio 2014 @16:58

Raccolgo l'invito di Lisa a parlare di mia nonna: in tempo di guerra si è rifiutata di dare la sua fede a un gerarca, perché suo marito gliela aveva messa e nessuno gliela avrebbe tolta...e ancora era mio nonno che cucinava e badava ai figli perché lei doveva lavorare e poi amava ballare!

Francescasièsposata | Mercoledì, 21 maggio 2014 @12:33

Ho aspettato troppo, ho appena comprato l'ebook di L'arte della gioia e Il vizio di parlare a me stessa. Così quando ho anche solo un minuto, ne leggo due righe... Grazie per i consigli a Lisa e a tutte voi. Questo è un posticino delizioso che arricchisce tanto! Riuscite sempre a trovare il modo di dire, meglio di me, cosa provo... Che meraviglia! ;-)

Monique | Mercoledì, 21 maggio 2014 @11:56

A proposito di aria, nuvole e notte...

"Non raggiungo il tempo del tuo corpo,
sono nato lontano, in un paese che è aria, nuvola, notte,
anche se mi ascolti da vicino.
Sono nato fuori dal tempo del tuo sorriso, dei tuoi occhi,
in un altro meridiano.
Ci amiamo da mare a mare,
da un astro a un altro,
non importa che oggi tu mi senta accanto a te.

Sebbene ti risvegli nuda qui con me,
il tuo tempo va avanti,
il tempo delle tue mani, del tuo volto;
sono accanto alla tua ombra e non ti afferro.

Sono lontane da me le ore del tuo amore,
sotto una luce di neve,
in qualche città che non conosco.
Le nostre vite si raggiungono, si confondono,
si scambiano singhiozzi, baci, sogni,
ma siamo lontani mille miglia l’uno dall’altro,
forse in secoli diversi,
su due pianeti che si cercano
stanchi di non trovarsi."

Eugenio Montejo

LISA | Mercoledì, 21 maggio 2014 @10:07

Lunedì, con il Buongiorno, arriva il prossimo #librochemiaspettava. Davvero straordinario. Il vento di questa primavera ha portato dei bei libri, o forse è il decluttering scatoloni… Però, Alessandra R., ricordati: aspetto commenti! E' bello parlare dei libri che hanno lasciato il segno, vero?

Alessandra R. | Mercoledì, 21 maggio 2014 @10:03

Dev'essere un libro stupendo!!!!! Quando ho letto la tua "recensione" ho sentito il formicolio tipico di quando trovi un libro che ti ispira all'inverosimile. E L'arte della Gioia deve essere uno di questi!!!! Assolutamente da leggere. Grazie Lisa per le tue dritte sempre azzeccate.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.