Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Si fermò ad aspettarmi e quando la raggiunsi mi diede la mano. Questo gesto cambiò tutto tra noi per sempre.

Lunedì, 26 maggio 2014 @08:05

"Lei riteneva di fare una cosa giusta e necessaria, io mi ero dimenticata ogni buona ragione e di sicuro ero lì solo perché c’era lei. Salivamo lentamente verso il più grande dei nostri terrori di allora, andavamo a esporci alla paura e interrogarla. Alla quarta rampa Lila si comportò in modo inatteso. Si fermò ad aspettarmi e quando la raggiunsi mi diede la mano. Questo gesto cambiò tutto tra noi per sempre".
(Elena Ferrante)
Come nasce un’amicizia. A volte, solo da un gesto.


Due bambine, un rione poverissimo di Napoli alla fine degli anni Cinquanta, due bambole, uno scantinato. Sono le prime pagine di "L’amica geniale" (edizioni e/o), di Elena Ferrante, uscito nel 2011. Un altro dei #librichemiaspettavano. Uno dei libri più potenti che ho letto quest'anno.

2 commenti

LISA | Martedì, 27 maggio 2014 @08:04

Il finale dell'ultimo mi ha spiazzato e piaciuto. Non dico nulla per non rovinare la lettura a chi dovesse ancora prenderli in mano. (Dico solo, e non c'entra con la trama, quanto mi sarebbe piaciuta una suocera come quella di Lenuccia!). Ora aspetto il quarto, quanto ci metterà ad arrivare?

Carla | Lunedì, 26 maggio 2014 @22:28

Grande Lisa!!io li già letti tutti e tre sono meravigliosi,anche se il finale dell'ultimo mi ha lasciata un po' così.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.