Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Lenzuola.

Giovedì, 1 aprile 2010 @09:25

"Il letto era sempre rifatto con le lenzuola costose (allora era per questo che le aveva comprate!); l’ordine che regnava nell’appartamento non lasciava più presagire una solitudine meditativa, bensì l’arrivo di un ospite molto atteso. Era un ordine diverso, un po’ più studiato. Ora il suo appartamento sembrava la scena di un dramma, un luogo in attesa di azione".
(Claire Messud)

Stasera, cambio le lenzuola.

(La frase di oggi è tratta da un romanzo della scrittrice americana Claire Messud: "I figli dell’imperatore", Mondadori, tutto ambientato a Manhattan prima e dopo l'11 settembre. La protagonista è l’amante di un uomo sposato, è lui che aspetta, è per lui che la casa vibra e attende, per lui che cambia le lenzuola… Ma è bello anche cambiare le lenzuola solo per noi, solo per il piacere di infilarsi dentro il profumo di pulito. Il piacere della casalinghitudine)

7 commenti

LISA | Venerdì, 2 aprile 2010 @07:20

Divertente, ALEXO, il falso Mark Strand! Pesce d'aprile per poeti e aspiranti poeti.

ALEXO | Giovedì, 1 aprile 2010 @16:44

Amante uomo sposato, tradimento, gelosia, sangue, Otello , Desdemona, Iago, che storia, che storie: in questi giorni mi sento IAGO, poi avremo spazio vi spiegherò perchè. Intanto godetevi questo tributi al geniale Branagh.
http://www.youtube.com/watch?v=pCDo7m9n_oE

ALEXO | Giovedì, 1 aprile 2010 @16:04

Il libro dovrebbe finire con queste parole,
Qualcuno vuole rileggerlo,
qualcuno vuole riscriverlo.
E' già nella vita di altri.
Altri che siedono sullo stesso divano
Sfogliano le medesime pagine.
La luce nella stanza si fa più fioca.

Cara Lisa, come dicevo nel post delle 9,47 è uno Stran d falso quello che vi ho proposto, D'altronde oggi è il primo di aprile!
Di Strand, quello vero, trovi in libreria : L'inizio di una sedia, a cura di Damiano Abeni, Donzelli Editore.
Su google libri puoi trovarne una buona parte, tradotta e no. Buona giornata.

daniela | Giovedì, 1 aprile 2010 @15:23

x annalisa: ti faccio sapere che qui cambia tutti i gg. Scrivo qui il 17. Spero che il mio bellissimo paese ti piacera'!!!!!(si, mio: ne ho 2!!!)

Tra nuvole e lenzuola | Giovedì, 1 aprile 2010 @14:06

La conoscete questa bellissima canzone dei Negramaro? Abbracciami ancora tra nuvole e lenzuola (puntini). Anche a me come Annalisa piace il profumo ed il calore delle lenzuola appena lavate. E' bellissimo stare nelle lenzuola con il proprio uomo (o donna). Per Alexo: non conosco niente di Strand, è possibile avere la traduzione della poesia che hai riportato? Quanto a Strand ho trovato questo:
1) se un uomo capisce una poesia,
avrà dei problemi.

2) Se un uomo vive insieme ad una poesia,
morirà solo.

3) Se un uomo vive insieme a due poesie,
ne tradirà una.

4) Se un uomo concepisce una poesia,
avrà un figlio in meno.

5) Se un uomo concepisce due poesie,
avrà due figli in meno.

12) Se un uomo si vanta delle sue poesie,
verrà amato dagli stolti.

18 ) Se un uomo lascia che le sue poesie vadano in giro nude,
avrà paura della morte.

19) Se un uomo ha paura della morte,
verrà salvato dalle sue poesie.

20) Se un uomo non ha paura della morte,
le sue poesie forse lo salveranno forse no.

21) Se un uomo finisce una poesia,
si immergerà nella scia bianca della propria passione
e verrà baciato dalla pagina bianca.

Buona giornata a tutti/e. Lila

Annalisa farmacista | Giovedì, 1 aprile 2010 @09:48

Allora grazie davvero del consiglio, sono alla ricerca. Ah, che bello il profumo delle lenzuola pulite! Io adoro infilarmi nel letto appena cambiato e giusto ieri l'ho fatto. Si lo so le pulizie di mercoledì sono fuori regola, ma i miei due lavori mi lasciano davvero poco tempo e sfrutto il mio unico pomeriggio libero per fare la casalinga. Non contenta delle pulizie e dell'ordine che finalmente regnava in casa mi sono messa all'opera per fare i tortellini: sfoglia, ripieno et voilà. Tortellini per circa 10 persone. Che fatica, ma che bello.
Grazie Daniela per i consigli meteo: ho visto che sta nevicando. Spero che per quando arriverò (18 aprile) il tempo sarà un po' migliorato. ciao!

ALEXO | Giovedì, 1 aprile 2010 @09:47

The book should end with these words,
Someone wants to read it,
someone wants to write it again.
It 's already in the lives of others.
They are sitting on the same couch.
Turning the same pages over.
The light in the room is darker.

Cara Lisa, vedendo che la tua frase tardava, volevo bruciarti con questo "falso" Strand: è il seguito ideale de
WE ARE READING THE STORIES OF OUR LIVES.
Ormai amo talmente questo poeta che penso come lui, scrivo come lui ( almeno questo lo credo io!)
Oggi, a Roma, è una giornata bellissima, da ballare con i daffodils.
A più tardi, se posso e se vi fa piacere.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.