Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Perché crescere vuol dire imparare a decifrare gli enigmi del cosmo. Ma anche quelli del cuore.

Mercoledì, 11 ottobre 2017 @10:57

Un romanzo che racconta di un’adolescente di ieri, da regalare a una ragazza di oggi. O anche, semplicemente, da leggere per ritornare indietro, per ricordarsi di come sia misterioso crescere. È la storia della quindicenne Gina, mandata dal padre generale (per salvarla, ma lei non lo sa ancora) in un collegio rigidissimo: siamo in Ungheria, durante la seconda guerra mondiale. Ed è anche il mondo di Magda Szabó, grande scrittrice del Novecento. Perché crescere vuol dire imparare a decifrare gli enigmi del cosmo. Ma anche quelli del cuore. Questo libro ce lo ricorda. È ABIGAIL, di Magda Szabó, Anfora.

C’è un posto speciale nei miei scaffali del cuore per la letteratura ungherese: per Sándor Márai innanzitutto ("Le braci", e il capolavoro "La donna giusta", tutti Adelphi), ma anche per Magda Szabó. Di suo ho letto, negli anni, il potente "La porta", e "La ballata di Iza" (Einaudi). Quindi con molta curiosità ho incontrato, a Milano, una vera fan di Magda: Mónika Szilágyi, giovane, bionda e sorridente ungherese che ora vive in Italia. E che vuole far conoscere, con la casa editrice sua e di suo marito, Anfora, i libri meno noti di Magda. Una missione! Mi ha parlato con molto entusiasmo di "Abigail", che ho letto quest’estate: mi è piaciuto così tanto che ne ho scritto una micro-recensione per Gioia (la vedete sopra), e l’ho regalato a un’amica insegnante. E poi ho pensato di incrociare libri e abiti: ovvero, di far incontrare le due Monike. L’editrice Monika (www.edizionianfora.net/) e la stilista Monika Varga (www.monikavarga.com/), anche lei ormai milanese, di cui ho tanti abiti colorati in jersey e cotone. Si sono piaciute e hanno anche scoperto che vengono dalla stessa provincia ungherese! Che dire? Viva Magda.

1 commento

LISA | Giovedì, 12 ottobre 2017 @20:22

Libro che consiglio a Carla e tutte le altre/altri insegnanti che leggono il blog! Perché di quello parla: delle dinamiche di una classe, studentesse e insegnanti, crescere e capire.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.