Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Del resto anche l’amore è un imprevisto.

Domenica, 7 marzo 2021 @18:53

"Marzo: mese d’attesa.

Le cose che ignoriamo

E le persone del nostro presagio

Sono in cammino".
(Emily Dickinson)
Del resto anche l’amore è un imprevisto.

Emily Dickinson mi affascina, anche la sua storia, poetessa reclusa, l’abito bianco abbottonato fino al collo, ma trovo sempre molto criptiche le sue poesie. Che erano, del resto, volutamente criptiche. Questa – la numero 1404 – che ho scelto per il Buongiorno di questa settimana mi piace per l’attesa che c’è dentro il mese di marzo. I bucaneve, i crochi viola accanto a casa mia, i primi alberi in fiore. L’attesa della primavera, certo. Ma anche l’attesa forzata di questa pandemia.
E poi ho pensato: l’attesa è anche perché il futuro contiene cose che ignoriamo, le persone del nostro presagio… Ma anche innamorarsi è inimmaginabile, imprevedibile. Un meraviglioso imprevisto. Perché:


March is the Month of Expectation.

The things we do not know—

The Persons of prognostication

Are coming now—

2 commenti

LISA | Domenica, 14 marzo 2021 @17:25

Sam70, un pensiero che ci abbraccia.

Sam70 | Venerdì, 12 marzo 2021 @14:55

L'idea che "le persone del nostro presagio sono in cammino" è consolatoria: pensare che qualcuno presto o tardi arriverà nella nostra vita rende sopportabili momenti bui e solitudine... bellissima immagine state in attesa di ciò che neanche immaginiamo... Grazie!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.