Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Stelle.

Lunedì, 6 settembre 2010 @08:04

Buongiorno, dunque! Da oggi ricomincia la mia rubrica su City. Con le stelle dell'estate:

"Gettasti i lenzuoli
apristi le finestre
ci riempimmo di stelle.
Una farfalla d’oro
sui tuoi capelli"
(Ghiannis Ritsos)

Ricordi? Abbiamo aperto la finestra. Sono entrati i rumori della notte: le auto, certo, le voci, la musica insistente; ma poi, li senti ancora?, i grilli, il mare, il vento, forse i gabbiani. E le promesse dell’estate: un’altra estate passata insieme a te.

(I versi di oggi sono tratti da un piccolo volume bianco, di poesie sensuali, di un poeta greco: il titolo è "Erotica", Crocetti editore)

17 commenti

Cam | Mercoledì, 8 settembre 2010 @15:50

Ciao Sabrina, bella la canzone (stupenda la Mannoia con quella sua energia un po' melanconica); canzone da ascoltare ad occhi chiusi per sognare atmosfere luci ombre sfumature di colore, per sentirne i profumi e gustarne i sapori. Quest'estate ho cominciato a fissare attimi ed emozioni scrutando il cielo, per parlare un po' con Lei, Lei che ora è nuvola e luna è sole è goccia d'acqua è fiore, è nella bellezza che non è mai riuscita a vivere. Ho osservato il mondo e i nostri giorni mai uguali, cercando sensazioni e colori dove mai uno penserebbe di poterli trovare (come quelle rose in un angolo del piazzale di una stazione).
A volte le parole non riescono a dire ...

http://cam6691.tumblr.com/

Sabrina | Mercoledì, 8 settembre 2010 @12:59

Ciao a tutti e ciao Cam, i malintesi non sono poi tali se ci si ferma a riflettere un attimo. Anche qui il cielo è grigio anche se ha smesso di diluviare e la malinconia di fine estate ha già iniziato a farsi sentire. In questa giornata di pioggia (spero non per tutti!) vi invio il link a una canzone che mi piace tantissimo e che rispecchia un po' il mio stato d'animo "autunnale", ma sempre con una speranza nel cuore. Bacioni
http://www.youtube.com/watch?v=noZVUJWDbyY

Cam | Mercoledì, 8 settembre 2010 @11:36

Oggi ascolto il ticchettio delle gocce sui vetri in questa fine estate un po' autunnale e leggo le vostre parole, isolati raggi di sole. Starei ore a "parlare" con voi (ma questo spazio non è mio) perché i fraintendimenti, se accompagnati dalla buonafede, sono solo occasione per nuovi chiarimenti e così avanti all'infinito per non sentirsi mai soli. Davvero impressionante è come a volte le nostre stesse parole assumano nuovi significati e nuovi colori se rilette mischiandole con altri pensieri, coi pensieri di altri coi loro colori. La stessa cosa penso valga anche leggendo altri autori: per andare oltre forse non è necessario leggere altro ma scoprire il nuovo che ogni volta compare anche in ciò che si è letto e riletto. Una scena non è mai uguale a se stessa: è continuo movimento, è trasformazione perché il mondo gira si trasforma si muove e noi con lui incessantemente, senza soluzione di continuità, dove tra un prima e un dopo ciò che conta è saper cogliere l'adesso. Sì, l'adesso, ma con quanta fatica !?
Grazie e buona giornata, sia essa di nuvole o di sole ...

LISA | Mercoledì, 8 settembre 2010 @08:01

Io però, LINA MYRIAM, stavolta ho capito, senza fraintendimenti. E quella valigia non aperta, quei libri non letti, CAM, magari potrai leggerli in quest'autunno di pioggia. O forse no. Perché ci sono giorni in cui abbiamo solo voglia di ascoltare la pioggia che cade.

Andy | Martedì, 7 settembre 2010 @23:01

Cambiamenti a settembre anche per me! Cominciando da un taglio di capelli diverso dal solito, tanti progetti, un lavoretto in parallelo all'università, tanta voglia di fare e migliorare. Più ottimismo, più forza e più grinta. Più amore. Speriamo bene.
Buonanotte a tutte/i!

Lina Myriam | Martedì, 7 settembre 2010 @15:38

che tristezza Cam nelle tue parole. Io ho molto amato Saint-Exupery attraverso Il piccolo principe e Volo di Notte ma non sono andata oltre. Mi dispiace solo il pensiero di una valigia riempita di libri e lasciata lì, in un angolo e vuota di speranze. Spero di essermi sbagliata.Sono la rediviva lina ma questo sarà il mio ultimo commento perchè anch'io riesco con magica abilità a essere fraintesa.

Cam | Martedì, 7 settembre 2010 @15:33

Grazie "Anonimo" per aver sfiorate le mie guance, e un po' anche la mia anima, con quella tua pioggia leggera.
Cara Sabrina perché il termine "sporcare"? Noi viviamo nei e dei nostri ricordi ma rimanere chiusi nella nostra candida torre d'avorio non sempre è la cosa migliore; a volte può servire anche scendere in strada e sporcarci un po' col fango della vita e vedere il mondo e le cose sotto una prospettiva diversa senza aver la presunzione di sapere in assoluto quale sia giusta e quale sbagliata. Esprimendo un concetto simile ad una persona mi sono preso una bella "porta un faccia" (e ne porto ancora i segni); la mia è una personalissima considerazione, non un consiglio un insegnamento o una legge di vita: prendila come tale e ... buona "navigazione" nel tuo nuovo avventuroso ed entusiasmante progetto, qualunque esso sia, e non smettere mai di confrontarti con ciò e con chi ti sta attorno anche se, lo so, a volte può far male.

lila | Martedì, 7 settembre 2010 @11:33

Forza Sabrina!

Sabrina | Martedì, 7 settembre 2010 @11:29

Grazie mille a Lisa per la poesia meravigliosa e a Cam, sempre gentile. Non credo che le tue parole siano fonte di malintesi. L'affetto che trapela da questo blog mi piace molto. Oggi mi sento un po' peggio perchè ieri ho parlato con una mia amica e ho fatto un gravissimo errore... A volte non ci si dovrebbe confidare, per non "sporcare" i ricordi con opinioni diverse dalle proprie, o forse dovrei rendermi conto che magari il sentimento c'è solo da parte mia e che le mie sensazioni finora si sono rivelate sbagliate. E' che io non ci credo... Ad ogni modo oggi parto con il mio nuovo progetto di vita, che mi costringerà a rivedere molte cose e a parlare di meno :-) Un bacione a tutti

Anonimo | Martedì, 7 settembre 2010 @09:32

Piove, un angolo di rugiada riga il tuo viso e cade la pioggia e germoglia il seme e nasce un nuovo fiore e nasce un nuovo giorno su questa terra, per questa vita

Cam | Martedì, 7 settembre 2010 @09:01

Lisa grazie per la risposta che hai dato a Sabrina citando i versi di una delle poetesse che da sempre mi affascinano con la sua storia e i suoi pensieri. Ieri leggendo quel racconto di una speranza delusa e di un nuovo inizio d'istinto avrei voluto risponderle ma ultimamente le mie parole sono una fonte inesauribile di malintesi (quanta verità nelle riflessioni di Saint Exupery) per cui preferisco tacere lasciando parlare il silenzio - che non vuol essere segno di indifferenza ma di diversa presenza - e chi meglio di me sa parlare. Per me speranza e versi in cui si cercano "rime con cuore" stanno diventando qualcosa di muto e trasparente, libri che non si riescono o non si vogliono più aprire come i tre messi in valigia (Ito Ogawa, David Nicohols e Grossman), una valigia che per le vacanze non è mai partita e i tre libri giacciono ancora lì. E oggi piove ...

LISA | Martedì, 7 settembre 2010 @08:03

Per SABRINA e tutti gli "abitanti" del blog che a settembre sperano in un nuovo inizio:

"La speranza è quella cosa piumata
che si posa sull'anima
canta melodie senza parole
e non smette mai"
(Emily Dickinson).

Andy | Lunedì, 6 settembre 2010 @18:26

Come mi sono mancati questi frammenti di poesia! Welcome back on City, Lisa!:)

Giusy | Lunedì, 6 settembre 2010 @13:21

Ebbene Lisa, la finestra oggi l'hai spalancata tu, come faccio io nel mio piccolo, che piova o splenda il sole. ma c''è anche una via di mezzo. Sento nuova e rinnovata energia nel blog e nelle partecipanti al salotto. Buon lavoro a tutte. (io sono ormai una finta nullafacente)

Sabrina | Lunedì, 6 settembre 2010 @12:56

Buongiorno a tutti e bentornata Lisa! Ho letto in questi giorni gli ultimi post, ero rimasta un po'indietro... Quello che mi rimane dell'estate è la speranza disattesa di un amore che non è nato, ma la serenità dentro di me, dopo due giorni di lacrime, che qualcosa cambierà in meglio e che non sia davvero la fine di qualcosa, ma l'inizio di un futuro, anche se al momento sembrerebbe il contrario. Vi capita mai di vedere nelle cose dei segni positivi, che associate alla vostra vita? A me capita, non so se poi magari siano del tutto infondati, ma dentro di me sento una speranza e la voglia di impegnarmi in qualcosa in cui credo e di fare progetti. Inizierò a studiare per la preparazione all'esame di assunzione per un lavoro che mi piacerebbe tantissimo e spero che, concentrandomi, possa distogliermi da mille pensieri. Buona giornata a tutti!

Lila | Lunedì, 6 settembre 2010 @12:39

Finalmente. Bentornata Lisa. Menomale che sei tornata tu ed i tuoi angoli di azzurro. Ghiannis Ritsos poi me lo ricordo, mi piacciono troppo le sue poesie. Anche se momentaneamente sono senza un partner e non ho quindi condiviso con nessuno i ricordi dell'estate posso dire che in me c'è volontà di cambiamento e che quindi spero in un settembre da favola. Un buon inizio di anno lavorativo a tutti/e i lettori del blog.

PaperinaTenera | Lunedì, 6 settembre 2010 @12:28

Ben tornata su city :) finalmente da oggi mi farai compagnia mentre vado al lavoro!!! Buona giornata a te e a tutti voi lettori

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.