Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Le rose arrugginite dell'autunno.

Martedì, 21 settembre 2010 @09:10

Scusate l'assenza - dovuta a un diluvio che ha provocato, tra l'altro, un tilt telematico. (Certo, quando pensavo alla "pioggia che cuce il cielo alla terra", pensavo a una pioggia romantica, non certo a un'alluvione!)

- Ecco il Buongiorno di ieri, lunedì 20 settembre:

"Le rose arrugginite dell'autunno
osservano lo spazio bianco dalla pioggia -
la pioggia cuce il cielo alla terra
con mille brividi e punti".
(Maria Pawlikowska)

Ma come sono belle, anche se arrugginite, le rose dell'autunno. Come si abbandonano, alla pioggia.

(I versi di Maria Pawlikowska sono tratti da "L'altro sguardo - Antologia delle poetesse del '900", Mondadori).

- Il Buongiorno di oggi, martedì 21 settembre, invece è:

"Era puro il respiro di quest'armadio. Sapeva leggermente di mele ed era fresco, intonato alla vernice opaca del suo esterno bruno e cupo".
(Ferenc Körmendi)

Fa freddo. Cambio di stagione. Che piacere aprire gli armadi, tirare fuori calze e maglioni. E respirare l'odore dell'inverno che verrà.

La frase di oggi è dello scrittore ungherese degli anni Trenta Ferenc Körmendi, ed è tratta da "Incontrarsi e dirsi addio", in una vecchia edizione Bompiani)

14 commenti

LISA | Lunedì, 27 settembre 2010 @08:14

Davvero, sono finita in classe? Che emozione! Racconta qualcosa di più... Chi sei, quanti anni hai, in che città è la classe poetica? L'Autrice è orgogliosa e curiosa.

Anonimo | Domenica, 26 settembre 2010 @18:17

Sai,la mostra prof un paio di volte ci ha portato il giornale e ci ha fatto fare lezione su queste poesie =)

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @16:25

In effetti neppure io mi sento dolcissima. Meglio così, altrimenti ti si mangiano come uno zuccherino.

Lila | Giovedì, 23 settembre 2010 @08:59

Fiorenza ma essere intelligenti, abili e colte non vuol dire non essere dolci e poi io che ho conosciuto Lisa personalmente anche se la conoscenza è stata breve, posso dire che Lisa è anche una donna sensibile, che guarda dentro. Poi, Fiorenza, io non ho detto che tu non sei unica ma che in questo blog non ci si sente mai fuori posto almeno così è per me. Buona giornata

Fiorenza | Mercoledì, 22 settembre 2010 @21:52

Cosa non ho capito Lila? Non desidero essere accomunata a nessuno, spero che almeno questo tu lo capisca: inoltre, Lisa non mi sembra dolcissima ma questo è un complimento. E' intelligente, abile e colta.

carla | Mercoledì, 22 settembre 2010 @18:44

ricordate Alda Merini? aveva sempre rossetto sulle labbra e unghie rosse...
La poesia è bellezza, sentimento ma anche racconto e forse ciò che ci piace indossare non parla di noi?

Lila | Mercoledì, 22 settembre 2010 @16:22

In questo salotto non ci si sente mai fuori posto capito Fiorenza e Giusy? La dolce Lisa è una perfetta padrona di casa. A me Lisa le rose piacciono tanto ma amo il loro profumo in primavera e devo dire che l'inverno vorrei non arrivasse mai! Per Annalisa: buon viaggio romantico.

LISA | Mercoledì, 22 settembre 2010 @14:24

Fuori posto? Ma figuriamoci. Anche le poetesse si interrogano su calze, borse, forse pure sui tronchetti. Ricordate Sylvia Plath, la tormentatissima Plath? Eppure scrisse di pantaloni animalier:
"Dovrei pettinarmi i capelli seduta su uno scoglio in Cornovaglia.
Dovrei portare calzoni tigrati, avere un amante".
Ma, visto che è pur sempre una poetessa, continua così:
"Dovremmo incontrarci in un’altra vita, incontrarci nell’aria
io e te".
(Era il Buongiorno del 28 gennaio 2010).

Giusy | Mercoledì, 22 settembre 2010 @13:50

Qui manca la più "nota" nota del diapason e mi riferisco a Lisa. Comunque ho l'impressione, spero sbagliata, che poche (pochi) di voi leggono veramente i messaggi inviati.invece è bello, interessante ascoltare differenti opinioni, commentarle e, per favore, non solo su collants, etc. e qui spezzo una lancia in favore di Fiorenza. (però come mi sono divertita con le varie " fashions" ) Dubbio sulla esse finale. Ciao a tutte: tanto lo so bene, passerete oltre il mio commento. A me va bene così: a tutte, buon pomeriggio.

Annalisa farmacista | Mercoledì, 22 settembre 2010 @11:30

Si parla d'altro quando manca la cultura per parlare di poesia. E io ne sono un po' priva. Nessuno (spero) è fuori posto, altrimenti la prima fuori luogo potrei essere io! Perdono!

Sabrina | Mercoledì, 22 settembre 2010 @11:21

Cara Fiorenza, qui nessuno è fuori posto!

Fiorenza | Martedì, 21 settembre 2010 @20:36

ok, qualche pasticcio... tanto qui si parla tanto di scarpe, calze, viaggetti,ecc. E' giusto così, sono fuori posto quindi scusate tanto

Fiorenza | Martedì, 21 settembre 2010 @20:30

le rose d'autunno non mi però le rose autunnali sono belle, son

No, le rose d'autunno non mi sembrano arrugginite, sono belle, sono ceree, sono una sorpresa a dispetto del caldo estivo che le ha sciupate, sono una promessa per la prossima primavera. Ma le più belle, almeno per me, sono le rose d'inverno.

Annalisa farmacista | Martedì, 21 settembre 2010 @11:04

Grazie Lisa del consiglio fashion. In effetti li sto vedendo molto abbinati a microabiti o gonne svolazzanti e devo dire che la combinazione mi piace. Bisognerà poi vedere se addosso a me stanno bene: nonostante sia magra e abbia una taglia minuta (38-40) tante volte le cose non me le vedo addosso. Mah! Il romantico coniugale parte il 4 ottobre fino all'8. Cinque giorni per rilassarsi, parlare inglese (speriamo: io poi sono molto sfacciata e attacco bottone con chiunque e i glaciali inglesi mi guardano un po' strana), mangiare cose nuove e portare a casa un po' di rose tipicamente british country. Magari su una stoffa da poi usare per confezionare delle borse che ho visto domenica ad una sagra, fatte appunto con avanzi di stoffe, ma dalla forma molto accattivante. Magari le potrei usare per contenere le marmellate che voglio regalare...(i puntini ci vogliono)

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.