Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Notte di luna.

Giovedì, 23 settembre 2010 @11:46

"Le lacrime diventano
incredibilmente facili
quando sorge la luna".
(Hino Sojo)
Così luna, per favore, portale via. Asciuga queste lacrime, accarezzami il viso; soffia via questa tristezza, questo smarrimento, dal mio cuore.

(I versi di oggi sono tratti dall’antologia "Il grande libro degli haiku", Castelvecchi. Avete visto che luna?).

14 commenti

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @20:50

Per PATRIZIA DELLA STAZIONE ROGERS: geniale davvero, l'idea delle Malefatte...

http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/24765

patrizia rogers | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:48

per vedere le borse si può andare sul sito del Comune di Venezia, area Servizio sociale "le malefatte". Logicamente sono pezzi unici, bisogna andare in negozio e vedere cosa c'è. Per le collane, conosco quelle delle sorelle Sent (ne ho regalata una ad una mia amica poco tempo fa, bellissima), ma quella che vedo nelle varie foto non credo sia una delle loro. Cercherò ancora. Invece, niente post oggi? Guarda che qui andiamo in fibrillazione, senza i versi del giorno! Ci avrai tutti/tutte sulla coscienza!

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:48

Per CARRIE: segui la luna e racconta, cara aspirante madre. Perché il tuo uomo non può più avere figli? Avete già scartato il percorso Fivet? E sei proprio sicura che il dolore per un figlio che non c'è, è un dolore solo tuo? E sai, mi piace pensare che le aspiranti madri trovano comunque una strada fuori dal dolore, come ci ha raccontato MARINA, mamma adottiva a Bruxelles.

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:41

Per PATRIZIA DELLA STAZIONE ROGERS: la luna piena vista dal "nostro" Molo Audace dev'essere bellissima! Quanto alle Malefatte, proprio qualche giorno fa mi è arrivata una mail da un'amica veneziana che lavora alla Biennale Architettura (vedi quante coincidenze lunari?), e che me ne parlava. A questo punto sono curiosissima! La collana di bolle di vetro trasparenti di Sejima, invece, potrebbe essere quella delle sorelle veneziane Marina e Susanna Sent, che vendono sia a Venezia che al Moma di New York: http://www.marinaesusannasent.com/

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:37

Per MARTINA: un amico di che tipo? Amico-che-potrebbe-diventare-qualcosa di più? Amico-e-basta? Amico ex fidanzato? Amico che ama la poesia o amico che non ne legge. Dammi qualche altro indizio, Martina, e già che ci sei dimmi anche quanti anni hai e in che città leggi i miei Buongiorno, l'Autrice è curiosa...

LISA | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:35

LE DONNE E LA LUNA. Quante storie, quante lacrime. Sono qui con voi, ascolto.

Martina | Venerdì, 24 settembre 2010 @12:03

Cara Lisa,
Leggo spesso i tuoi buongiorno su City e ne rimango colpita ogni mattino.
Volevo chiederti se potevi consigliarmi una raccolta di poesie che ti è particolarmente
piaciuta, perchè vorrei fare un regalo ad un amico.
Grazie
Martina

Carrie | Venerdì, 24 settembre 2010 @10:51

Ho guardato la luna ieri sera, da sola, mentre il mio uomo era altrove, con suo figlio...
...a me figli non può darne più e così si consuma lentamente il dolore...
...questo unico figlio, usato dalla madre come arma contro di me ed anche contro il mio uomo, seppure è il padre di suo figlio, mi ricorda ogni giorno, ogni istante che riesco a dimenticare la mia nulliparità, che invece lui c'è e ci sarà sempre. E sempre sarà motivo di disunione tra me ed il mio uomo.
E così anche il luttto della mancata maternità, invece di essere condiviso dalla coppia, è artificialmente solamente mio.
E così,anche l'ennesima ingiustizia si è consumata.
Ma un girono, avrà finalmente termine il Dolore?
Intendo, in questa vita terrena?

Carrie | Venerdì, 24 settembre 2010 @09:49

Sì, illudiamoci che la luna possa portarle via, le nostre lacrime, ma il dolore, quello no, quello resta SEMPRE, dentro, come un vuoto ENORME riempie il mio cuore e mille aghi lo perforano e lo fanno sanguinare.

Laurel | Giovedì, 23 settembre 2010 @21:08

Cara Lisa anch'io mi chiedo se la luna riuscirà a portare via la mia tristezza, i miei dubbi, i miei sogni. Ieri sera prima di andare a dormire l'ammiravo e speravo che portasse i miei desideri lassù tra le stelle e che qualcuno guardandola pensasse a me.....

patrizia rogers | Giovedì, 23 settembre 2010 @20:21

Cara Lisa, stasera ero sul (nostro) molo e c'era una luna meravigliosa, tanta gente, da sola o in compagnia, e ho ripensato ai tuoi versi di oggi (virtualmente, quindi, c'eri anche tu). Anche se commento di rado, ti leggo quotidianamente. Comunque, veniamo al punto. Ieri sono andata a Venezia a vedere la Biennale Architettura, che mi è piaciuta e mi ha divertito molto. Certo, qualche inevitabile nostalgia in quanto il fresco "ex" è architetto, però mi sono goduta una giornata condita da un sole settembrino favoloso. Due cose da segnalare/richiedere: in diverse foto la curatrice, Kazuyo Sejima, sfoggia una collana piuttosto lunga di perle trasparenti, ne sai niente? Poi, volevo sapere se conosci le "malefatte" di Venezia, borse fatte con riciclando il tessuto degli striscioni pubblicitari, da una cooperativa del Carcere di Venezia. Da fine luglio sono in vendita anche in un negozio ad hoc di Venezia, ieri ne ho comprate due, non mi decidevo. Ho fatto male?

carla | Giovedì, 23 settembre 2010 @17:51

Questa mattina ho pianto per un'ora e più, singhiozzando così tanto da non avere il fiato per respirare, le lacrime sgorgavano così forte che mi annebbiavano gli occhi...
Non so se la luna stasera riuscirà a portarsele via.

Marina | Giovedì, 23 settembre 2010 @13:59

Ma hai poteri telematici? Proprio poco fa mangiando sola, soletta alla mensa pensavo ad una cosa che é successa ieri e qualche lacrima é diventata incredibilmente facile. Stando in un luogo pubblico l' ho trattenuta bene, ma sono qui davanti allo schermo con un po' di nostalgica tristezza. Ieri pomeriggio é venuta l' assistente sociale per i consueti controlli post adozione, abbiamo parlato con lei un paio d'ore, c' era jad carinissimo, piu' del solito, affettuosissimo come mai prima, i bambini hanno le antenne. Con lei abbiamo ripercorso il viaggio in Marocco e cosi' ancora una volta quando le ho parlato del giorno che l' abbiamo via dall' istituto, del suo sguardo perso, occhi di bimbo di un anno che non sa cosa gli sta capitando, della paura di fare la cosa sbagliata mi sono commossa. Come se sentisse questo stamattina é venuto nel mio letto e mi abbracciato tanto, quanto si puo' amare un essere indifeso, e quante volte sanguinerà questa ferita. Poco fa al solo ricordare ancora le lacrime, non sono una donna forte!!!

Andrada | Giovedì, 23 settembre 2010 @13:44

Ti dirò Lisa, che la Luna mi fa uno strano effetto. Rimango incantata a guardarla ogni volta che c'è sereno, e soprattutto se è piena. E devo dire anche che nei giorni in cui c'è la luna piena sono estremamente sensibile e melanconica. Sarà che sono Bilancia, e la Luna ha un forte effetto sulle Bilance (dicono così, per chi ci crede ovviamente: a me piace credere a quello che mi conviene :-) ). Bellissima la Luna ieri notte. Grande, tonda e luminosa. Tanti pensieri per me, e anche qualche lacrimuccia (asciugata in fretta e furia, non ho tempo per piangermi addosso).
Un buongiorno azzeccatissimo! Buona giornata a tutti.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.