Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Non sapendo quando l’alba verrà, lascio aperta ogni porta.

Mercoledì, 16 marzo 2011 @07:54

"Non sapendo quando l’alba verrà
lascio aperta ogni porta."

(Emily Dickinson)

Non so quando arriverà qualcuno che mi stringa forte e mi ami davvero; quando arriverà la notizia che aspetto, il tuo sms, la speranza. Quando arriverà un nuovo lavoro, una nuova vita, un nuovo orizzonte… Però, anche a costo di far entrare pioggia e polvere e vento, tengo aperta la porta.

Ma Emily Dickinson a dodici anni teneva un diario? Forse sì, immagina Nadia Terranova, che insieme a Patrizia Rinaldi ha scritto – per le piccole donne di oggi – "Caro diario ti scrivo…" (appena uscito per Sonda). Ovvero, sei piccoli ritratti di bambine che sarebbero diventate scrittrici, attraverso immaginate pagine di diario: Beatrix Potter, che crebbe con le bambinaie, ma poi inventò fiabe bellissime; Jane Austen, che scriveva alla sorella Cassandra e osservava incuriosita gli intrighi d’amore dei vicini, cercando di riderci su e di capire come funziona il mondo… Ma anche Anna Maria Ortese, Matilde Serao, Silvina Ocampo. Ed Emily Dickinson, che scriveva al fratello lettere senza neppure una virgola. Eppure, la bimba che sbagliava l’ortografia diventò una grande poetessa che vestiva sempre di bianco.
E voi, cosa sognavate, a dieci, dodici, quattordici anni? Forse solo, come scrive Emily, che dalle finestre entri l’alba.


Domani e venerdì City non esce, per i 150 anni dell'Unità d'Italia (e neppure la mia rubrica). Ma troverete i versi di Emily Dickinson in inglese, come ogni venerdì, nella parte "globish" del blog. Quindi, a questo punto, Buongiorno Italia!

20 commenti

Emilia | Domenica, 22 aprile 2012 @00:47

Ho dimenticato di firmarmi nel post che precede...Emilia prima e ora

Anonimo | Domenica, 22 aprile 2012 @00:44

E si tenesse il caldo pasto e caldo letto...che tristezza un uomo così pero' , che tristezza pensarlo. E D., si certo avra' tradito a sua volta ma lo sappiamo tutti no che al cuore non si comanda? Ma cavolo, donne, vi siete mai innamorate? L'oggetto del suo desiderio era quell'amore romantico che chiunque vorrebbe...insomma non mi sembra fantascienza ma di facile e lapalissiana evidenza. Tanta morale poco sentimento ed io sono contenta di aver sbagliato e veder sbagliare chi lo fa con il cuore e non calcola tutto solo così si vive veramente

Fiorenza | Sabato, 21 aprile 2012 @21:12

Un cuore umliliato un'anima che non si da pace offesa e tradita. Ma Dan non avrà così di passaggio offeso e tradito pure lei? nessun perbenismo da parte mia scopiamo pure tranquillamente ma senza frignare se il nostro oggetto di desiderio ci dice:ciao, ciao! ti amo tantissimo ma preferisco la calma di un caldo pasto e un caldo letto.

Simona | Sabato, 21 aprile 2012 @10:20

Cara D, Io ti auguro solo di riuscire a ricomporre presto la tua vita e ritrovare dopo tanto, inutile, gratuito, dolore il sorriso di una donna che ha vissuto. Ciò detto condivido e sottoscrivo quanto scritto da Emilia...solo un cuore ferito ne riconosce un altro e sa comprenderlo. In bocca al lupo!!!

Emilia | Sabato, 21 aprile 2012 @01:03

Ma perché quest'attacco verso D, anonima del 20.04.12 h 23:09?. E' un cuore umiliato che soffre e' un'anima che non si da pace. Offesa e tradita. Non si capisce a chi si rivolge? Non credo serva una laurea per capirlo....urla il suo dolore e forse si rivolge a se stessa per non sentire più fitte ma il suo della sua voce , forse rotta dal pianto, forse roca, forse ancora deformata da quell'amore deluso ma e' probabile che questa voce diversa le darà la forza di essere una donna in rinascita. E piantatela con questo falso perbenismo, ha tradito il marito e allora? Non si va al rogo per ciò? Ha provato delle emozioni e mi pare anche un sentimento chi di noi non l'avrebbe fatto? In fin dei conti e' questione di un attimo! Puntare il dito, giudicare, offendere risulta facile a chi non vive di emozioni. Sinceramente mi indigna profondamente questo post così privo di tatto e sentimenti. Forza D, dono con te.

Anonimo | Venerdì, 20 aprile 2012 @23:09

All'anima dello sfogo! Anonimo D. prima mi facevi tenerezza ora mi sto chiedendo a chi sono rivolti i tuoi messaggi. E datti pace! ce l'hai uno straccio di marito tradito vero? Cosa vai cercando? non si capisce ma si intuisce. Dormi serena.

Anonimo | Mercoledì, 18 aprile 2012 @17:36

E se aspetti che quel qualcuno si svegli da un sogno? Si scrolli di dosso una finta rappresentazione dei fatti? Se aspetti e aspetti che lui smetta di non raccontarsi la verità e cominci finalmente a dare un senso ai gesti, alle parole, agli sms, alle mail, alle interminabili chat, agli sguardi ai baci rubati, al tempo rubato e ritagliato solo per noi...divenuti amanti dopo 15 anni che non avevamo notizie l'uno dell'altra. La passione e' stata travolgente e inattesa i progetti sono venuti da soli sulle nostre ( sue, di lui in particolare) labbra e i giorni hanno cominciato ad essere allegri a tingersi di desiderio, passione, attesa, voglia infinita dell'altro....distanti ma sempre insieme. E mentre aspetti che lui comprenda le sue legittime paure, aspetti i suoi tempi, i suoi modi e sei ancora li, ad aspettare, mentre lui, impaurito da ciò che sente per te, prova ad allontanarti in ogni modo ma poi viene a riprenderti e ancora...aspetti e finalmente tifo fessa il suo amore e così mentre sentii l cuore volteggiare, mentre sei pronta a mettere in discussione il tuo matrimonio lui ti dice che sta provando ad avere un figlio ( che aveva chiesto a te)....mi sono accorta che ho aspettato per due anni uno che ha saputo solo illudermi, prendere il mio cuore e farlo in frantumi e calpestare ogni sentimento sporcando ciò che abbiamo condiviso facendomi sentire piccola, sporca ed utilizzata da lui. La tragedia,in tutto ciò, e' che non riesco ad odiarlo e quella parte di me che l'ha amato soffre e piange. Scusate lo sfogo. D

Anonimo | Venerdì, 27 maggio 2011 @16:09

Ciao la tua poesia è fantastica e mi ha emozionato molto leggerla ma devo anche informarti di una cosa meno ilare e serena.C'è una persona che ha scritto la tua poesia modificando qualche parola ma lascia intendere che sia sua e se ne vanta anche!
E' una cosa che non accetto perchè le proprie creazioni sono come inanti che portiano nei nostri pensieri e nei nostri cuori fino a quando non nascono sottoforma di scritti che ci lasciano per prendere la strada della carta...Mi sentivo in dovere di avvisarti di ciò, comportati come meglio credi,ciao e a risentirti se sarà possibile! :D

bello | Venerdì, 22 aprile 2011 @18:15

è bello iniziare la giornata con leggendo Lisa

Nostalgia | Lunedì, 21 marzo 2011 @20:38

Cristina, bellissimo il tuo post. Dico davvero sei una poetessa. Dovresti fare come Daniela dalla Scozia che ha sfruttato il blog di lisa, si è fatta pubblicità e poi. Ciao|! So long.. ha imparato bene dai Celti che ballano senza mutande!

Cristina | Sabato, 19 marzo 2011 @16:17

Faccio capolino dopo un bel po' di giorni...
Mi manca questo posto. Ma si tratta di una nostalgia bella, da cullare, come un sapore che, nel guizzo di un ricordo, ritorna.
Il gusto dell'attesa e poi finalmente l'attimo diluito nelle parole.
Parole raccolte lungo il cammino, come tante conchiglie.
Parole che affiorano, come scaglie di luce, coriandoli di lettere ancora da scrivere. E' un luogo che fa nascere le parole, questo.
Un antro, un utero, una nuvola.
Trascrivo su una pagina bianca la voce di Emily Dickinson.
Anch'io aspetto l'alba... a dieci, dodici, quattordici anni sognavo di continuare ad emozionarmi e meravigliarmi.
Vertigini e stupore... inchiostro che cade.
Un abbraccio a tutti e grazie Lisa per avermi regalato il respiro di un'alba che deve ancora venire.

LISA | Giovedì, 17 marzo 2011 @11:34

Allora viole e auguri per chi compie gli anni nel giorno dell'Unità d'Italia...

Angela | Mercoledì, 16 marzo 2011 @20:02

.....io sognavo e tuttora sogno che, come dici tu Lisa, arrivi qualcuno che mi stringa forte e mi ami davvero..... e continuerò a sognarlo sempre......

stefania | Mercoledì, 16 marzo 2011 @18:27

l'alba arriverà sempre, giorno dopo giorno, con la pioggia e il bel tempo. la mia porta è sempre aperta
ma devo imparare a non stare sempre sulla soglia, questa attesa mi sfinisce, devo imparare a nascondermi nelle stanze più in fondo, affinchè il tuo cuore si fermi e si affanni.

Carla | Mercoledì, 16 marzo 2011 @17:27

Mi piacciono i versi di oggi, però qualche volta la mia porta sbatte per il troppo vento... ma io tenacemente la lascio aperta. ( spesso vada o dormire senza chiudere nemmeno la porta di casa !!)
Grazie per i suggerimenti di lettura per le piccole donne di oggi e se ti piace quel genere bellissimo è anche Signore e Signorine corale greca di Beatrice Masini. Sono tutte eroine dell'antica Grecia che raccontano il loro punto di vista; fantastico è lo sciopero dei baci di una protagonista di una commedia di Aristofane.
Io a dodici anni volevo fare la prof, la mamma e avere una vita incasinata.... ho raggiunto tutto ma ho ancora desideri per i prossimi dodici!!

Anonimo | Mercoledì, 16 marzo 2011 @16:46

Ah, doppia festa per me! Domani, senza Il Buongiorno di rito, darò anch'io il buongiorno al mio Paese.

Anonimo | Mercoledì, 16 marzo 2011 @16:38

Fuori tema e fuori orario; spero che Lisa perdonerà anche l'anonimato.
Domani compirò gli anni; sono nata con le viole mammole che mi piacciono tanto e ringrazio la buona sorte di essere arrivata fino a oggidì. Mi regaleranno fiori (che mi piacciono tanto) e, spero, qualche
libro. Però il mio pensiero è altrove e a questo proposito voglio citare alcuni versi di J. Donne che ho letto non so dove: "... la morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità.
E dunque non chiedere mai per chi suona la campana: essa suona per te." Sto pensando al Giappone.

Nadia | Mercoledì, 16 marzo 2011 @12:08

Grazie Lisa. Hai scelto dei bellissimi versi di Emily, tra quelli che amo di più. Buona giornata, a presto.

Sabrina | Mercoledì, 16 marzo 2011 @11:50

Cara Lisa, ci azzecchi sempre... Io sto aspettando sia un sms, che un nuovo lavoro... Nel frattempo in ufficio trattengo le lacrime perchè l'atmosfera è invivibile. Buona giornata a tutti

Andy | Mercoledì, 16 marzo 2011 @09:21

Proprio venerdì scorso ho comprato un libro di poesie di Emily Dickinson. Sapevo fosse una grande scrittrice, ma è molto meglio di quanto mi aspettassi. E adesso tu pubblichi una sua poesia, che coincidenza. :)

Buona giornata Lisa!

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.