Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

La parola amore la imparai a memoria, per non doverla usare.

Lunedì, 28 marzo 2011 @07:38

"Ci eravamo dati appuntamento
la notte, fra i paesi,
con la luna calante.
Lei voleva prender con sé il suo cavallo,
io portavo la valigia.
Io avevo riflettuto su ogni parola.
Dovevano essere tutte leggere, però non vaghe,
decise ma non troppo pesanti.
La parola amore la imparai a memoria
per non doverla usare.
All’altezza dei cipressi
ritti come stoppini piantati in terra,
ci passammo accanto senza un saluto".

(Michael Krüger)

E dunque usiamola, la parola amore…

(I versi di oggi, del poeta tedesco Michael Krüger, sono tratti dalla sua antologia Mondadori, "Il coro del mondo").

15 commenti

stefania | Martedì, 29 marzo 2011 @10:00

potevo passargli accanto senza un saluto, non se ne sarebbe accorto, ma mi sono fermata....e ora sto "riusando" la parola amore

malu63 | Lunedì, 28 marzo 2011 @19:33

Di questa poesia nn mi piace" la parola amore la imparai a memoria per nn doverla usare "..... cosa vuol dire? non si memorizza ...se si ama la usi e esprimi il sentimento più profondo che c'è dentro di te per un'altra persona :))

LISA | Lunedì, 28 marzo 2011 @17:18

SINGOLARMENTE: no, la poesia non ha titolo; o meglio, il titolo è il primo verso. Ma è tratta da una raccolta che si intitola "A cielo aperto". In tedesco: "Unter freiem Himmel". A proposito, bel nickname anche il tuo!

Singolarmente | Lunedì, 28 marzo 2011 @17:00

Molto bella la poesia. Il titolo è quello?
Saluti.

LISA | Lunedì, 28 marzo 2011 @13:59

E' triste, ANNETTA, certo, come è triste l'incapacità di amare, di usare la parola amore. Ma non c'è molto da capire: bisogna solo lasciare che le parole ci scivolino dentro. E, come dice AMINTA, prima ci sono pagine bianche, tutte da scrivere. E dopo? Dopo, visto che lui ha imparato a memoria la parola amore, forse imparerà ad usarla. Forse.

annetta | Lunedì, 28 marzo 2011 @13:37

a me sembra così triste questa storia......forse non l'ho capita? Help...

Giusy d'antan | Lunedì, 28 marzo 2011 @13:37

Mi sa che dovrò comprarla questa antologia perché non sono riuscita a capire a fondo questi versi, peraltro bellissimi. Dura di comprendonio e rea confessa...

una a caso | Lunedì, 28 marzo 2011 @13:18

...è tutto tranquillo non è successo niente

Afrodite | Lunedì, 28 marzo 2011 @12:02

Amare consapevolmente, dire di amare, e quindi utilizzare la parola amore, è uno degli atti più coraggiosi che si possano compiere. Forse perchè quando amiamo ci sentiamo più vulnerabili, ed è difficile ammetterlo. Buona giornata :-)

Cristina | Lunedì, 28 marzo 2011 @12:00

Sono d'accordo con il bellissimo commento di Aminta.
Le parole di oggi, un rivolo di luce in un cielo uggioso.
Buon inizio di settimana a tutti.
Un sorriso.

Lele | Lunedì, 28 marzo 2011 @11:13

E' meraviglioso amare...più di essere amati. Buongiorno Lisa per tutto il giorno!

Lila | Lunedì, 28 marzo 2011 @10:52

Buongiorno Lisa, sì direi usiamola e viviamola la parola amore...Un sorriso!

LISA | Lunedì, 28 marzo 2011 @10:19

SHYDINA, che bel nickname, me lo spieghi?

Aminta | Lunedì, 28 marzo 2011 @09:48

Belli questi versi, li ho letti come fossero l'epilogo di un racconto fatto di pagine bianche, tutte da immaginare...i

shydina | Lunedì, 28 marzo 2011 @09:21

Lisa le mie giornate iniziano con le tue parole :-)
queste sono bellissime...

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.