Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

All’esselunga dell’amore compro un gelato a forma di sole.

Martedì, 18 ottobre 2011 @08:58

"All’esselunga dell’amore
compro un gelato a forma di sole.
Il sole vero ha meno colore
il vero amore non ha le nocciole"
(Francesca Genti)
Potessi comprarti al supermercato! Ti mangerei già per strada, tutto mio, finalmente solo per me.

(Conoscete Francesca Genti, vero? Una delle più brave e giovani poetesse italiane - anzi, posso dire la più brava? - che ha il coraggio di scrivere d’amore in rima, anche baciata! Comprate i suoi libri, mi raccomando: anche i poeti vanno all'esselunga, e dovranno pur mangiare, non solo gelati. A proposito: i versi di oggi sono tratti da "Il vero amore non ha le nocciole", Meridiano Zero. E una cosa buffa: Francesca mi ha raccontato quando ha visto, per strada, una ragazza che si era scritta questi versi sullo zainetto... Così ci piace la poesia: quando viaggia per il mondo)

Le poesie di Francesca Genti sono anche su e-book:
http://www.quintadicopertina.com/index.php?option=com_content&view=article&catid=51:abbonamento-a-francesca-genti&id=107:francesca-genti

13 commenti

LISA | Mercoledì, 19 ottobre 2011 @11:56

ANNETTA: a ben pensarci... è vero, meglio così. Meglio comprare l'uomo-gelato e mangiarselo subito. Meglio godersi l'amore e l'amicizia finché ci sono, senza preoccuparsi della data di scadenza. Meglio vivere.

annetta | Mercoledì, 19 ottobre 2011 @11:52

LISA: mah, sai.. non sono molto d'accordo...sapere in anticipo quando finirà un'amicizia o peggio ancora un amore, è come sapere in anticipo la data della propria morte non trovi? ... meglio non saperlo...

Impossibile | Mercoledì, 19 ottobre 2011 @10:24

In verità molte volte si continua a mangiare un gelato scaduto tralasciando quello magari ancora buono

LISA | Mercoledì, 19 ottobre 2011 @09:02

ANNETTA: sai che quel film l'avevo visto? "Strane storie", film italiano del 1994, l'ho googlato. Ma stranamente la signora che compra al supermercato un uomo (scaduto) non mi è rimasta in mente; ricordo invece la famiglia ricca napoletana e quella di lumbard proletari che si fanno la guerra... Quanto alle date di scadenza di certi amori e amicizie, peccato non saperlo mai prima!

annetta | Martedì, 18 ottobre 2011 @17:04

LISA: hai mai visto il mitico film "strane storie"? Giusto per ricordarti di stare attenta alla data di scadenza dell'uomo-gelato!! :-)))

LISA | Martedì, 18 ottobre 2011 @15:36

CRISTINA: oltre ai libri e agli e-book, trovi i vecchio Buongiorno sforbiciati a Francesca Genti qui sul blog. Basta cliccare sul suo nome, in verde nel post, e appare l'archivio. Ah, la casalinga telematica...

LISA | Martedì, 18 ottobre 2011 @15:35

MARIA: comprerei un uomo-gelato!

maria | Martedì, 18 ottobre 2011 @15:08

Ciao Lisa, una domanda......................
al supermercato compreresti un uomo o un gelato?
scusami ma vorrei capire la tua frase
grazie gentile come sempre

Francesca | Martedì, 18 ottobre 2011 @14:42

Anche questa sua poesia è bellissima!
"sono una ragazza, capisci?
le cose inconcepibili...
sì, ne faccio innumerevoli
e allora?"

Cristina | Martedì, 18 ottobre 2011 @14:29

Non ho mai letto nulla di quest'autrice, tranne - se non ricordo male - i versi sparsi tra le pagine di qualche buongiorno ormai passato.
Però mi piacerebbe conoscerla questa poetessa, forse saprebbe sciogliere un po' di catene dentro me... inchiostro arrugginito e incertezze. Così diversa la sua poesia dalle mie immagini fermate sul bordo di una goccia sfumata.
Parole per lo più nascoste. Per questo mi emoziona quella poesia che viaggia tra le cuciture e le tasche di uno zainetto.
Sì, in un mondo dove l'aria è spesso intrisa di fuliggine, c'è bisogno di poesia. Di rime baciate.
Di un istante come uno squarcio nel tempo.
Mentre lo sguardo naufraga tra le parole.

annetta | Martedì, 18 ottobre 2011 @10:40

Tengo i libri di francesca sul comodino e non mi stanco mai di leggere e rileggere i suoi versi. Secondo me francesca ha la rara dote di rendere iperboliche le frasi comuni, quotidiane, infilandole in contesti dove sembrerebbero non entrare affatto, e dove invece ci stanno benissimo :-) L'ultima sua? La domenica è un piccolo agosto....

ANONIMO | Martedì, 18 ottobre 2011 @10:09

Io comprerei addirittura il supermercato per non correre il rischio che qualcun altro potesse scorgerti e magari essere tentato di mangiarti....

valentina | Martedì, 18 ottobre 2011 @09:44

meravigliosa francesca genti! Ho letto tutto quello che si può comprare, ho l'abbonamento a 'quinta' e ho divorato 'la febbre', il suo primo romanzo. Quello che preferisco sono le poesie, amore a prima lettura, le leggo e rileggo, alcune so' 'mie', dentro, nel profondo, come l'infinito di leopardi.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.