Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

E’ una neve da romanzo di Puškin.

Lunedì, 6 febbraio 2012 @08:07

"Questa neve violenta
ostinata e diagonale.
cade fortissima.
mi viene da pensare:
è una neve da romanzo di Puškin
è una neve da versi di Chlebnikov
è una nevicata russa, originale.
cade fortissima.
mi viene da pensare:
sarebbe bello se tu fossi un husky
portarti a spasso, nella neve, a giocare
portarti a spasso per tutta la città
metterti il guinzaglio, per l’eternità".

(Francesca Genti)

La neve e tu. Non desidero di più.

Non ho mai letto dei romanzi di Puškin (solo dei versi, e solo la sua storia, compreso il duello a San Pietroburgo, un duello per la bellissima moglie, che lo portò alla morte nel 1837, mentre l’avversario fu salvato dal bottone che parò la pallottola), anche se mi piace l’idea della nevicata russa. Invece ho letto e continuo a leggere le belle poesie di Francesca Genti - questa è tratta da "Poesie d'amore per ragazze kamikaze", che potete ordinare su ibs- e quindi perdonatemi il mio tentativo di rima baciata. E’ tutta colpa della neve.

10 commenti

Anonimo | Giovedì, 9 febbraio 2012 @12:14

Finalmente un bel sole sulla neve!

Stefano | Lunedì, 6 febbraio 2012 @16:22

Per anonima di oggi delle 14.03
La mia era un'osservazione riferita al caso in cui le persone che ti sono vicine fossero state egoiste, bugiarde, false ed ipocrite
Ma se così non è, il tuo è un sentimento nobile, da apprezzare e condividere
Ma solo se è così

LISA | Lunedì, 6 febbraio 2012 @16:12

OLGA: pensa che "Il bottone di Pushkin" è anche il titolo di un libro molto bello, sofisticato, colto della slavista Serena Vitale, che ho letto quando ancora tentavo di studiare russo. Pubblicato secoli fa da Adelphi, parla (anche) di quel duello e quel bottone. Però, Olga, di Wislawa non mi dici niente?

il dio greco | Lunedì, 6 febbraio 2012 @16:04

...mi piace tanto la neve Ma no quello che causa danni...pazzienza passerà come tutti gli altre stagione preceduti.

Anonima | Lunedì, 6 febbraio 2012 @14:03

Per Stefano del 2 febbraio:
Le persone che mi sono vicine non sono bugiarde, non sono egoiste e non fingono. Per questo voglio la loro felicità prima della mia. Lo so è strano... ma è quello che sento. Il mio cuore mi dice che per ora è così.

Francesca | Lunedì, 6 febbraio 2012 @13:35

Vorrei potermene stare a casa, con te, invece che buttarmi fuori al freddo per venire a lavoro!!! Così la neve sarebbe davvero perfetta!!!

annetta | Lunedì, 6 febbraio 2012 @09:28

Anch'io sono una fan della Genti: lei ha la capacità di incanalare immagini e sentimenti negativi, a volte forti, a volte violenti nella poesia e nella letteratura; e dopo aver sciacquato i panni in Arni letterari, ne escono sempre immagini giocose, allegre , ironiche, di una felicità primigenia, infantile, dirompente. Vorrei carpire il segreto di questa lavatrice letteraria e farlo mio, e imparare a vedere la poesia = il lato bello, positivo, gioioso in qualsiasi cosa o evento dall'apparenza negativa che mi circonda. Brava Fra! Stamattina sono venuta al lavoro in bici con meno 14...che spettacolo i cani impazziti di gioia col muso nella neve al Parco Ravizza...

Stefano | Lunedì, 6 febbraio 2012 @09:23

La neve e tu….
Con te il gelo, il freddo della neve non si sentirebbe
Con te la neve si scioglierebbe in un istante ed emanerebbe un calore piacevolissimo
Come del resto è sempre stato…

Olga | Lunedì, 6 febbraio 2012 @09:18

Che bella poesia! e che piacere scoprire La Tempesta di Pushkin tra le righe. Età d'argento di poesia russa con Chlebnikov (lo conoscono in pochi in Russia). Comincio la settimana sentendomi più a casa, con questa neve, con questo freddo, con questo sole!

una a caso | Lunedì, 6 febbraio 2012 @08:30

eccomi di nuovo qua dopo un piccolo viaggio e una lunga influenza .... forse non ve ne importa tanto ma a me fa piacere stare qui con tutte voi leggere lisa e fare commenti ho trovato roma con la neve e questa poesia che la descrive così bene nei primi versi ....ciao a tutti vado a leggere i buongiorno che ho perso. .

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.