Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Conosci quell’istante del crepuscolo estivo dentro la stanza chiusa. Un tenue riflesso rosa.

Lunedì, 9 luglio 2012 @11:45

"Conosci quell’istante del crepuscolo estivo
dentro la stanza chiusa; un tenue riflesso rosa
obliquo sull’assito del soffitto; e la poesia
incompiuta sul tavolo – due versi in tutto,
promessa inadempiuta di un meraviglioso viaggio,
d’una certa libertà, d’una certa autosufficienza,
d’una certa (relativa, beninteso) immortalità.
Fuori, per strada, di già l’invocazione della notte,
le ombre leggere di dèi, uomini, biciclette…"
(Ghiannis Ritsos)
L’aria dolce e cipriata della sera. Estate.

Ghiannis Ritsos è uno dei miei poeti preferiti: cliccate sul suo nome... I versi di oggi sono tratti dall'antologia "Poeti greci del Novecento" , Meridiani Mondadori.

3 commenti

v.i | Lunedì, 9 luglio 2012 @16:57

LA STANZA

È piena di pensieri che
frullano la mente.
Ci sono dipinti
e parole d’amore,
per terra devote
preghiere cristiane.
Sopra la porta una foto
di Marlene ...
aveva vent’anni.
Una lampada
accesa per letture lusinghe
e una sveglia
ormai antica.
Il letto è in disordine
nella mia piccola stanza
dove passo le mie giornate
più lunghe … quelle uggiose.

IL CANTO DEL CIGNO | Lunedì, 9 luglio 2012 @15:13


....ovvero...
l'ndifferenza che distrugge un sogno diventato realtà..
la lenta, inesorabile agonia di un amore infinito....

Gabriella | Lunedì, 9 luglio 2012 @12:21

bellissima, lisa, da togliere il fiato.

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.