Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Alto eucalipto e ampia luna. Una stella trasale nell’acqua.

Martedì, 17 luglio 2012 @09:45

"Alto eucalipto e ampia luna.
Una stella trasale nell’acqua.
Cielo bianco, argentato.
Pietre, pietre scorticate fino in cima.
Accanto, nel basso fondale, s’udì
il secondo, il terzo salto d’un pesce.
Immensa, estatica orfanezza – libertà."
(Ghiannis Ritsos)
Semplicemente, libertà.

Il Buongiorno di oggi è tratto dall’antologia di uno dei miei poeti greci preferiti: "Pietre, ripetizioni, sbarre" (Crocetti). Ma quello che più mi ha colpito è una piccola frase in corsivo in fondo alla poesia: "Campo dei deportati politici di Partheni, isola di Leros". Era la fine degli anni Sessanta, gli anni della Grecia dei colonnelli, gli anni in cui combattè anche Alekòs Panagulis, il grande amore di Oriana Fallaci, quello a cui dedicò "Un uomo", ricordate? E la poesia, improvvisamente, diventa più forte, più vivida, più potente: non è solo un istante catturato di una notte al mare, un instagram, una polaroid. E’ una testimonianza di resistenza. E gratitudine, per la vita, sempre.

12 commenti

Francesca11 | Giovedì, 19 luglio 2012 @09:32

Sono contenta che dalla mia borsa piena di spartiti, escano spunti poetici... E' il mio piccolo contributo a questo blog intenso e speciale!

LISA | Giovedì, 19 luglio 2012 @08:18

Un'altra poetica coincidenza: mi sono ricordata di avere già incontrato Cappello, in un'antologia Crocetti, ed ecco il Buongiorno che forse vi ricordate anche voi, del 3 marzo 2011:

http://www.lisacorva.com/it/view/406/

Gabriella | Mercoledì, 18 luglio 2012 @18:00

per Francesca11: non credo siano coincidenze! VOGLIO credere che in qualche etere lassù si tessano i fili della poesia dell'umanità della sensibilità. e che si "materializzino" in questo soave blog.

Francesca11 | Mercoledì, 18 luglio 2012 @11:36

Gabriella: è proprio grazie al progetto della Archibugi che sono finita sul sito di Cappello. Che poi abbiamo incrociato una poesia che parla di mare, come quella che ci ha proposto Lisa, beh, mi piace pensare che non sia solo una coincidenza!

Gabriella | Mercoledì, 18 luglio 2012 @11:10

ho letto su Sette del corrsera di ven. 13 che francesca archibugi sta preparando un "film" su Cappello. sarà una sorta di documentario con sue poesie naturalmente accompagnate da musiche del marito della regista romana. questo poeta friulano non ancora 45enne, da 23 anni su una sedia a rotelle ha parlato di come la poesia e l'amore gli abbiano ridato fiato e luce quando rischiava di affondare nel buio.

LISA | Mercoledì, 18 luglio 2012 @08:27

MARE: grazie. Ma il tuo nickname significa che mi scrivi dal mare? "Il blu che vedi è mare" come nei versi che ci ha mandato FRANCESCA11. Grazie anche a te.

mare | Martedì, 17 luglio 2012 @18:19

che bello il tuo buongiorno, Lisa!Non ti lascio più...

domo | Martedì, 17 luglio 2012 @12:49

Per Francesca11: le parole di cappello sono. Bellissime

lia.mo | Martedì, 17 luglio 2012 @11:55

Mi ricorda anche "Il salto dell'acciuga" di Nico Orengo. (Ho faffo un pò di pasticcio con le lettere da decifrare..)

lia.mo | Martedì, 17 luglio 2012 @11:47

Mi piace molto questa poesia, già conosciuto l'autore. In particolare mi piace il secondo verso.

STEFANO | Martedì, 17 luglio 2012 @11:26

"Semplicente libertà"..
Libertà di "svagare" liberamente, a piacimento...

Francesca11 | Martedì, 17 luglio 2012 @11:22

E c’è che vorrei il cielo elementare
azzurro come i mari degli atlanti
la tersità di un indice che dica
questa è la terra, il blu che vedi è mare
Questa è una poesia di Pierluigi Cappello, mi ha colpita, forse racconta di un mare simile, così ho pensato di postarla accanto alla poesia scelta da Lisa...

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.