Lisa Corva

Commenta come:
Testo:
Anti-Spam: CAPTCHA Image
 Immagine different
Posta commento

Credo nel caos profondamente ordinato.

Venerdì, 18 gennaio 2013 @08:52

"Credo nel caos profondamente ordinato."
(Francis Bacon)
Metto ordine nel caos. Comincio oggi. Comincio da me.

Anche il Buongiorno di oggi è la frase di un artista: l’inglese, anzi irlandese Francis Bacon, morto a Londra nel '92, inquieto e inquietante, immagini e visi distorti (no, non piacerebbe alla piccola Ashi, molto peggio di Picasso). Una sua frase in cui sono inciampata per caso, lavorando per Elle Decor: una frase che è stampata su un asciugamano. Quando l’arte moderna diventa (colorato, impensato) merchandising.

Come ogni venerdì, Friday Lisa: il Buongiorno di oggi in inglese.
In più, potete seguirmi su Twitter e su Facebook (dove potete iscrivervi ai miei aggiornamenti, e dove vedrete l’impensato asciugamano).

9 commenti

Stefania che scrive da Roma | Martedì, 22 gennaio 2013 @17:40

a me fa pensare a quei momenti in cui bisogna concedersi la possibilità di perdersi... per ritrovarsi... quel caos che ci può sembrare crisi, ma che ha in sè un profondo, forse inconsapevole, senso.

lia.mo | Lunedì, 21 gennaio 2013 @18:09

Io invece credevo che fosse successo qualcosa al mio pc, che si fosse imballato cioè bloccato ecc. menomale x me. Io una volta ho dimenticato di pagare le spese condominiali, adesso mi segno tutto tutto tutto. A presto e buona serata.

LISA | Lunedì, 21 gennaio 2013 @17:36

La scrittrice recessionista oggi aveva il blog bloccato perché non aveva pagato l'affitto annuale... Hmmm. Mi sa che arriverà una Buonasera invece del Buongiorno.

Michela | Lunedì, 21 gennaio 2013 @17:00

Nel mio ordine quotidiano, la mattina, dopo aver spulciato le prime e-mail a lavoro, c'é la ricerca del tuo buongiorno...che oggi si fà aspettare...e allora, un clic nel tuo archivio e ne scelgo uno a caso! A domani Lisa!

Marta | Lunedì, 21 gennaio 2013 @15:02

Che balsamo queste parole per me! Io sono una persona ordinata ma vivo con un marito e due figlie che sono invece il disordine personificato. Devo chiudure non uno ma due occhi per non sembrare un'arpia. Ho anche iniziato a pensare che forse hanno ragione loro. Eppure, quando apro cassetti o armadi (dove metto solo io le mani), il trovare tutto in ordine mi fa sentire bene.

Giusy | Lunedì, 21 gennaio 2013 @14:52

Già che ci sono...chissà cosa ne direbbe Stefania del caos profondamente ordinato. io non ho il coraggio di esporre la mia opinione...

Lilabella | Venerdì, 18 gennaio 2013 @17:46

Credo nel mio disordine. Purtroppo non sono ordinata ma devo dire che nel mio caos mi ci trovo. Ogni tanto faccio fatica a trovare qualcosa ma a me piace così!

Francescasièsposata | Venerdì, 18 gennaio 2013 @13:59

Ho già cominciato a mettere ordine nel caos, lasciando basito (positivamente) mio marito! Quello che non sapevo è quanto sto bene dopo, quanto mi sento leggera e quanto tempo risparmio!!! Adesso, grazie a Lisa, ho anche una definizione che mi assomiglia...

carla | Venerdì, 18 gennaio 2013 @10:34

io ho sempre pensaato che nel caos ci fosse posto, anche, per tutti! non sono ordinata, non riordino mai niente con accurata devozione e sistematicità; salvo che ogni 56 anni il consorte decide di mettere in ordine il caos prodotto da tutti noi.
Quest'anno è taccato ai garage e al piccolo studiolo che abbiamo, entrambi hanno cambiato faccia dopo il suo intervento.
Buon giornata a tutti

Lisa Corva

Mi chiamo Lisa Corva, e questo lo sapete. Sapete anche, se siete qui, che credo nel potere delle parole. E della poesia.

Qui troverete i miei Buongiorno: da trasformare in sms, ricopiare sull’agenda, far viaggiare via web… Talismano, oroscopo, cioccolatino, schegge di luce o di consolazione: usateli come volete. Troverete anche le mie interviste, i miei articoli di moda, i miei colpi di fulmine in giro per il mondo. E, ovviamente, i miei libri.

Mi potete anche trovare (a volte) in Piazza Unità a Trieste: la città dove sono nata, dove non ho mai vissuto, ma che continuo testardamente a considerare mia. Se vi avvicinate abbastanza, mi riconoscerete. Se non altro, dal profumo di rose.